Signora Tina

Signora Tina
Signora Tina non andare via
da queste strade d’aria,
dalle piene del mondo.
Non cadere nella solita frittata
(plaf)
di roteanti equivoci, carezze, fumo.
Quale fascino stupido avrà un solo
punto interrogativo, oscuro, che ripete
se stesso, divora il tempo
e non si svela
?
(una poesia dal secolo scorso, forse degli anni ’90, da Guida a Milano invisibile, Nulla Die)


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.